GP Germania 2019 – Prove Libere

I commenti del team e dei piloti alla fine della prima giornata di prove libere, qui a Hockenheim

Prove libere GP di Germania 2019 della Scuderia Toro Rosso

Daniil Kvyat (STR14-03, Car 26)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:15.776, 14° pos., 30 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:14.800, 12° pos., 39 giri

Prove libere GP di Germania 2019 con Daniil Kvyat Scuderia Toro Rosso

“Che gran caldo! Parlando di temperature, le condizioni erano piuttosto estreme oggi. Speriamo di poter fare un passo in avanti domani. Abbiamo molto da analizzare e comprendere stasera, c’è sicuramente spazio per i miglioramenti e faremo del nostro meglio per tornare ad avere una vettura più competitiva prima delle qualifiche. Sarà interessante capire come saranno le condizioni meteo di domani, perché le previsioni sembrano molto diverse rispetto a oggi e quindi dovremo adattarci velocemente. Condizioni come quelle di oggi sono rare ed è stato difficile per tutti. Siamo sempre stati vicini alla top 10 quest’anno – a volte fuori, a volte dentro – sarà lo stesso questo fine settimana, dobbiamo solo capire cosa ci serve per andare più veloce”.

 

Alexander Albon (STR14-04, Car 23)
Prima Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:15.,777, 15° pos., 24 giri
Seconda Sessione di Prove Libere
Miglior Giro: 1:15.062, 12° pos., 36 giri

Prove libere F1 di Germania 2019 con Alex Albon Scuderia Toro Rosso

“Credo non sia stata una brutta giornata, ma c’è ancora del lavoro da fare. Abbiamo portato degli aggiornamenti, quindi dobbiamo solo un po’ comprenderli meglio. Ci sono cose che possiamo migliorare e che possono aiutarci a entrare tra i primi dieci, come per esempio il bilanciamento, quindi vedremo come ottimizzare al meglio l’auto per le qualifiche. Tuttavia, sembra che domani il tempo sarà diverso. Oggi faceva molto caldo, probabilmente è stata una delle giornate più calde che abbia mai vissuto alla guida di una vettura: sembrava di avere un asciugacapelli puntato dritto in faccia!”.

Prove libere GP di Germania 2019 con Alex Albon Scuderia Toro Rosso

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer):

“Finora le temperature sono state estreme, anche per gli standard di Hockenheim. Queste, in combinazione con le gomme C4 a basso working range, hanno reso questo venerdì davvero difficile perché era quasi impossibile tenere le gomme nella loro finestra di utilizzo. Avevamo scelto di avere più gomme di questo tipo, quindi tre dei nostri quattro set per il venerdì erano di quella mescola, principalmente per provare ad avere quante più opportunità di preparare le qualifiche. Siamo arrivati qui con un vasto programma basato su aerodinamica e meccanica.

I test aerodinamici sono stati effettuati principalmente sulla vettura di Alex, durante le Libere 1, mentre Alex si è occupato del bilanciamento della vettura e a massimizzare le performance delle gomme. Nelle Libere 2, entrambi hanno condotto un programma simile, con due run con poco carburante, seguiti da long run con tanto carburante a bordo. Tra le due sessioni, la pista è cambiata parecchio: le temperature si sono alzate e si è aggiunto anche il vento. Mancava grip globale e abbiamo avuto difficoltà a trovare un buon bilanciamento. Nonostante le alte temperature, a differenza dell’Austria che ha una pressione ambientale più bassa, qui non abbiamo risentito sulle prestazioni del sistema di raffreddamento, quindi dal punto di vista della power unit eravamo ben lontani dai limiti.

Le prestazioni della vettura oggi non hanno soddisfatto le nostre aspettative. Abbiamo imparato molto dalle mescole C4 in condizioni di caldo estremo, ma c’è ancora del lavoro da fare per ottimizzare grip e bilanciamento complessivi, in particolare nei run brevi in simulazione di qualifica. Abbiamo raccolto molti dati e ai nostri ingegneri spetta una serata impegnativa per mettere tutto insieme e migliorare le prestazioni della macchina per il resto del weekend. Tuttavia, dobbiamo tenere presente che le previsioni per domani indicano temperature in ribasso e persino probabilità di temporali, quindi dovremo adattare il nostro assetto per le Libere 3 in avanti”.

 

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):

“A causa dell’ondata di caldo che ha colpito l’Europa, abbiamo vissuto le condizioni più difficili dell’anno con una temperatura dell’aria di 37 gradi e 50 per l’asfalto. Tuttavia, i prossimi due giorni dovrebbero essere significativamente più freschi, quindi dal lato della PU abbiamo preso in considerazione questo cambiamento al momento di pianificare i settaggi per qualifiche e gara. Entrambe le squadre hanno condotto il consueto programma del venerdì, ma i piloti non sembrano ancora del tutto soddisfatti: lavoreremo insieme alle squadre per cercare di migliorare il pacchetto”.