GP DEL BRASILE: | QUALIFICHE

Al termine delle qualifiche del Gran Premio del Brasile, ecco le dichiarazioni dei nostri piloti e del team.

GP DEL BRASILE: | QUALIFICHE

Max Verstappen (STR10-02, Car 33)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:13.548, 10° pos., 21 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:12.824, (Q2) 1:12.712, (Q3) 1:12.739, 10° pos.
Inizierà la gara dalla posizione n. 9

“Quella di oggi è stata una buona qualifica. Possiamo essere davvero felici, in quanto siamo riusciti ad entrare in Q3: qualcosa che non credevo possibile qui! Questo non è il tracciato più adatto a noi, ma abbiamo fatto una bella prestazione, qualificandoci davanti alle Lotus -i nostri avversari diretti- e stando vicini alle Red Bull. Mi aspetto una gara difficile domani, soprattutto sul fronte pneumatici. Molto dipenderà dalla strategia, ma abbiamo una buona vettura e davvero non vedo l’ora di correre”.

Carlos Sainz (STR10-01, Car 55)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:13.959, 15° pos., 23 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:13.267, (Q2) 1:13.045, 12° pos
Inizierà la gara dalla posizione n. 10

“Che giornata complicata! Purtroppo la nostra qualifica è stata un po’ travagliata: il display sul mio volante non funzionava e quindi non ho avuto alcun dato riguardo i tempi sul giro. Inoltre abbiamo avuto anche un piccolo problema con la frizione durante l’ultimo run in Q2, che non mi ha certo aiutato… non è stato un sabato facile, ma la cosa positiva è che mi sono trovato meglio con la macchina rispetto a ieri. Ora dobbiamo pensare alla gara di domani e sono comunque felice della mia posizione di partenza che ci darà l’opportunità di scegliere la strategia relativa alle gomme. Penso che possiamo fare una bella gara domani”.

Jody Egginton (Head of Vehicle Performance)

“Dopo le prove di ieri c’erano ancora dei punti interrogativi, ma il buon lavoro di meccanici e ingegneri ha permesso a entrambe le nostre monoposto di fare un buon passo in avanti in termini di performance per le Libere 3. Il nostro ritmo negli short run è migliorato rispetto a ieri e, nel complesso, entrambe le vetture risultano più bilanciate e prevedibili, quindi siamo abbastanza soddisfatti. Sapevamo comunque che portare entrambe le macchine in Q3 sarebbe stato difficile, dati gli stretti delta relativi ai tempi sul giro tra le vetture con cui lottiamo. La Q1 è andata come previsto, ma in Q2 Carlos ha avuto un problema elettrico al display e alla frizione: anche se questo non ha limitato le sue performance, è stata comunque una distrazione per lui.
Max è stato più fortunato ed è passato dalla Q2 senza problemi, per poi completare il suo singolo tentativo in Q3, ma le altre vetture si sono migliorate e così ha chiuso decimo. Adesso possiamo concentrarci sulla gara e con Carlos possiamo tenere in considerazione alcune opzioni interessanti per la strategia relativa agli pneumatici. Considerando che il passo dei long run dei due piloti è ragionevolmente buono, ci aspettiamo di poter lottare con entrambi per la zona punti, domani”.