F1 Esport Series 2018: i numeri

Se fino ai primi anni di questo millennio erano praticamente sconosciuti, oggi gli esport sono diventati delle vere e proprie competizioni che solitamente si svolgono con videogame multiplayer. Un passatempo figlio del ventunesimo secolo che si è trasformato in un business globale milionario.

F1 Esport Series 2018: i numeri

Anche la Formula 1 ha rapidamente abbracciato questa tendenza, dando vita nel 2017 alla F1 Esport Series. L’edizione di quest’anno è stata un grande successo, seguita da ben 4,4 milioni di persone. Sicuramente, la Formula 1 può considerarsi sulla cresta dell’onda per quanto riguarda le corse virtuali.

Molto spesso, il volante delle moderne monoposto di Formula 1 viene paragonato a un joystick della PlayStation e, negli ultimi anni, abbiamo visto anche degli appassionati di corse virtuali riuscire a passare alle corse reali. Adesso però la situazione sta cambiando, tanto che avviene anche il contrario e alcuni piloti si sono lanciati in questo entusiasmante mondo degli F1 Esports dai proficui premi in denaro. Le squadre di Formula 1, tra cui anche la Scuderia Toro Rosso, hanno partecipato con entusiasmo selezionando dei piloti per le fasi finali, partendo da un pool di 66 mila giocatori che hanno combattuto in quattro turni preliminari effettuato un totale di 1,1 milioni di giri su F1 2017 – il gioco ufficiale del campionato mondiale FIA di Formula 1 – su PlayStation 4 e Xbox One.

Come dicevamo, il pubblico della F1 Esport Series 2018 è stato enorme e sui social media sono stati generati oltre 100 milioni di impression e 2 milioni di visualizzazioni dei video. Ma la cosa più importante è che il 70% del pubblico aveva meno di 34 anni, che corrisponde esattamente al target di riferimento che la “vera” Formula 1 sta cercando di attirare. Un grande successo anche per noi: la Scuderia Toro Rosso è arrivata in seconda posizione nel Campionato Costruttori alle finali di Londra. Inoltre, Frederik Rasmussen – uno dei nostri tre piloti – è arrivato terzo nella Classifica Piloti. Non vediamo l’ora che la stagione 2019 – reale e virtuale – cominci!