F1 Esports Pro Series 2019 – Evento 1

È entrata nel vivo, ieri sera, la nuova stagione di F1 Esports, con le prime tre gare della Pro Series 2019: il Mondiale “virtuale” cui partecipano in forma ufficiale tutti e dieci i team di Formula 1. Un calendario di 12 gare, divise equamente in quattro eventi, che promette battaglia e spettacolo. Tutte le monoposto hanno infatti le stesse prestazioni, quindi è tutto nelle mani dei 30 piloti ufficiali e delle loro capacità di guida e set-up.

F1 Esport 2019 evento 1 della Scuderia Toro Rosso

Ogni team ha infatti un roster di tre piloti, fra cui vengono di volta in volta scelti i due titolari chiamati a gareggiare. Il Live Show è andato in onda ieri sera, come ormai di consueto, dalla Gfinity Arena di Londra e ha avuto uno special guest: il nostro pilota ufficiale, Pierre Gasly! In pista invece sono scesi i nostri sim-racer ufficiali, Patrik Holzmann (Germania) e Cem Bolukbasi (Turchia). Entrambi confermati rispetto alla nostra line-up 2018, hanno affrontato un intenso periodo di allenamento insieme ai loro colleghi di Red Bull Racing Esports e sono scesi in pista in tutte e tre le gare in programma ieri: Bahrain, Cina e Azerbaijan. Le Qualifiche si disputano in un’unica manche da 20 minuti, mentre i Gran Premi hanno una distanza di gara pari al 25% di quelli reali. Identico alla F1 il sistema di assegnazione dei punti (dal primo al decimo classificato), incluso il punto extra per l’autore del giro veloce in gara.

In Bahrain, Patrik si è subito trovato a proprio agio, conquistando un’ottima P8 in Qualifica, mentre Cem è partito dalla sedicesima casella. In Pole Position il nostro ex-pilota, Rasmussen, ora in forze a Red Bull Racing Esports. I 14 giri non sono bastati a Cem per migliorare di molto la sua posizione iniziale: ha chiuso infatti in P15, mentre Patrik è stato autore di una solida prestazione, che gli ha consentito di portare a casa l’ottavo posto. David Tonizza, Ferrari Esports, ha conquistato la vittoria.

In Cina, si è deciso tutto in qualifica. Alle prime avvisaglie di pioggia, tutti i piloti si sono fiondati in pista, nella speranza di mettere in cascina un giro veloce con gomme soft e asfalto ancora asciutto. I nostri piloti sono rimasti imbottigliati nel traffico e non sono andati oltre la 15esima (Patrik) e 19esima (Cem) posizione. In gara, Patrik ha avuto un contatto nel corso del primo giro ed è stato costretto a cambiare l’ala anteriore. Gara così compromessa, chiusa dal tedesco in P19. Cem non è andato oltre P13. Vince ancora Tonizza, Ferrari Esports.

In Azerbaijan, le Qualifiche vanno meglio. Grazie a un ottimo gioco di squadra nello sfruttamento delle rispettive scie, Patrik e Cem conquistano rispettivamente P6 e P11. Purtroppo però la gara non va altrettanto bene. Qualche contatto di troppo lungo le strade di Baku relega i nostri due piloti in fondo: Cem chiude in P15 e Patrik in P19. Primo al traguardo è Frederik Rasmussen (Red Bull Racing Esports), che proprio a Baku aveva già vinto lo scorso anno a bordo della nostra monoposto.

 

F1 Esport 2019 evento 1 con Patrik Holzmann Scuderia Toro Rosso


Patrik Holzmann
(Germany)
Round 1 – Bahrain (Sakhir): P8
Round 2 – China (Shanghai): P19
Round 3 – Azerbaijan (Baku): P19
Classifica Piloti: P14 – 4 punti

“Questi sono stati i due giorni più frustranti della mia carriera nel sim racing! Tutto quello che poteva andare storto, alla fine l’ha fatto. Ma ci sono degli aspetti positivi in queste prime tre gare: avevo un buon passo e almeno ho guadagnato punti con l’ottavo posto in Bahrain. Adesso devo schiarirmi le idee e capire come migliorare: sono sicuro che, lavorando con il team, è fattibile. Ci serve un po’ più di fortuna ed evitare danni alla macchina, perché eravamo in buone posizioni in tutte e tre le gare ma, per una serie di motivi, non siamo riusciti ad avere le giuste performance dalla macchina. Oggi abbiamo perso molti punti, ma il campionato è lungo e sono sicuro che le prossime gare andranno meglio”.

 

Cem Bolukbasi (Turkey)
Round 1 – Bahrain (Sakhir): P14
Round 2 – China (Shanghai): P13
Round 3 – Azerbaijan (Baku): P15
Classifica Piloti: P18 – 0 punti

 

F1 Esport 2019 evento 1 con Cem Bolukbasi Scuderia Toro Rosso

“Ci eravamo preparati molto bene per questo primo appuntamento e avevamo velocità e ritmo. Avevamo fatto un ottimo lavoro sull’assetto prima dell’evento ma, sfortunatamente, le cose non sono andate secondo i piani e alla fine è stata una serata da dimenticare. Ma non sono scoraggiato, perché possiamo imparare molto da queste prime tre gare e tornare più forti per il secondo round e i successivi tre Gran Premi. Rispetto allo scorso anno, le corse sono state più agguerrite. Quindi penso che dovremmo lavorare su questo aspetto e modificare il nostro stile di guida. Sono state delle gare di sopravvivenza in cui limitare i danni. Penso che ci serva solo un po’ più di fortuna per fare meglio la prossima volta”.

 

Classifica Team: P10 – 4 punti


Pierre Gasly
(Scuderia Toro Rosso F1 Driver)

“Sono rimasto colpito dal livello dei giocatori di stasera. Ero anche al primo round dell’anno scorso e direi che adesso il livello è ancora più alto. La corsa è stata serrata, ma sfortunatamente i ragazzi del Team Toro Rosso non hanno vissuto una delle loro serate migliori durante queste tre gare. Abbiamo preso dei punti, ma c’è molta strada da fare, quindi crediamo che possano reagire e giocarsela nelle restanti nove gare. Sarò con loro fino alla fine!”